Mese: novembre 2020

La Polizia Provinciale denuncia in pochi giorni tre cacciatori

Prosegue l’intensa attività della Polizia Provinciale, finalizzata al contrasto dei mezzi vietati durante l’esercizio venatorio. Sono tre i cacciatori segnalati all’autorità giudiziaria per l’uso di mezzi vietati durante l’esercizio venatorio e nello specifico si tratta di richiami acustici.

Un primo intervento è stato effettuato in un’azienda faunistico venatoria nel comune di Jolanda di Savoia che ha portato alla denuncia di una doppietta veneta impegnata, da un appostamento temporaneo, ad attirare le allodole con ben due richiami acustici vietati, abilmente nascosti … . . . . . . CONTINUA A LEGGERE

20/11/2020

Abbandona i rifiuti a Final di Rero: la Polizia provinciale lo multa

 Tresignana. Ha gettato sotto il ponte di Final di Rero, un grande sacco nero, al cui interno c’erano vestiti, pannolini sporchi, materiale plastico e altri oggetti, dentro una serie di sacchi, anch’essi neri, forse per non far uscire l’odore sgradevole dei pannolini da bebè usati.

Un gesto che non è passato inosservato a un cittadino che, in maniera davvero molto tempestiva, si è annotato alcuni particolari, per poi contattare subito il consigliere comunale di minoranza Mirko Perelli, sapendo che appartiene

. . . . . . CONTINUA A LEGGERE
10/11/2020

Fuorilegge della caccia sanzionato nelle Valli: multe per 1.500 euro

Comacchio. Era appostato con un richiamo acustico per attrarre in   maniera vietata dalla legge un numero maggiore di avifauna.

È successo nelle Valli di Comacchio e una pattuglia della Polizia provinciale a bordo della propria imbarcazione, ha sorpreso il cacciatore nel momento in cui esplodeva quattro colpi di seguito uno all’altro, dopo aver evidentemente rimosso il “fermo” del proprio fucile che consente l’esplosione solamente di tre colpi.

Due, quindi, i reati contestati dagli agenti provinciali: l’uso del richiamo acustico vietato … . . . . . . CONTINUA A LEGGERE

10/11/2020

Svuota la cantina e abbandona i rifiuti, scoperto dalla Polizia provinciale

Codigoro. Diversi tipi di rifiuti gettati in mezzo a dei cespugli poco distanti dalla sua abitazione, come sedie, parti di elettrodomestici, cassette di plastica, utensili da cucina, un banco di legno e dei fili elettrici.

Tuttavia con la collaborazione di alcuni cittadini e un po’ di attività di indagine svolta dalla Polizia provinciale il responsabile dell’abbandono dei rifiuti, fortunatamente non pericolosi, è stato individuato e invitato a presentarsi negli uffici della stessa forza di Polizia locale, per chiedere spiegazione di . . . . . . CONTINUA A LEGGERE

03/11/2020